Harry Potter and the Cursed Child by J.K Rowling, John Tiffany & Jack Thorne - Review



Harry Potter and the Cursed Child 

by J.K Rowling
 John Tiffany
 Jack Thorne 



If you have been growing up with Harry, Ron and Hermione, you are probably still waiting for your Hogwarts letter that, for sure, got lost in the mail.
As a BIG fan of the series I've been waiting for a sequel forever! Between fear of being disappointed and excitement I pre-ordered Harry Potter and the Curse Child, months before the publishing. I want in it without knowing anything about it, even though spoilers were available everywhere, I've been a good kid and I resisted every temptations. Maybe that's what I did wrong.
I published a post about the things you should know before reading it, you can find it HERE.

Since It's hard to talk about the plot of the play without spoiling bits. I will just give you the start point of the story. The story picks up from Harry Potter and The Deathly Hallows epilogue. Nineteen years after the Battle of Hogwarts our heroes, now grown up, are at platform 9 3/4 to send off their kids. From there the story skips forward to Albus, Harry's kid, forth year of school. The play concentrated itself on the relationship between father and son, Harry and Albus.
I'm just going to give you some clues about the plot: Time-turner, Cedric, Triwizard Cup.


Let me say I was really happy to see our heros back, some even from the dead, and was surprised with the new characters. I loved Scorpius Malfoy, he is a good mix of intelligence and humor, on the other hand  Albus Potter felt obnoxious to me and as stupid as his father, sorry Harry.
The plot was kind of boring and felt like a bad fanfiction from start to finish. After finishing the Harry Potter series we all said good byes to the characters or made up our own story, I would have like to see their kids in Hogwarts, playing quidditch, going to potion class and making some mischief, we don't get any of that again someone is messing with magic to bring back You-Know-Who.

I think that most of my problem with this book was in fact that it isn't a book, but a play the only way to judge it honestly is to see it on stage. As a read it was not so entertaining.

3/5 STARS

ITALIANO:

Harry Potter e La Maledizione Dell'Erede uscirà in Italia il 24 Settembre.

Se anche voi siete cresciuti con harry, Ron e Hermione, state ancora aspettando la vostra lettera da hogwarts, che deve essere andata perduta nella posta. Come GRANDE fan della serie ho sognato un sequel per la saga! Tra la paura di una delusione e l'emozione di poter rileggere dei  miei personaggi preferiti, ho pre-ordinato  Harry Potter e La Maledizione dell'Erede mesi prima della pubblicazione. Sono stata brava e prima di iniziare la lettura ero riuscita a non spoilerarmi nulla a riguardo, volevo fosse un esperienza pura. Forse è proprio li che ho sbagliato, troppe aspettative e disinformazione. Ho pubblicato un post sulle informazioni utili da sapere prima di avventurarsi nella lettura, lo trovate QUI.

Dal momento che è difficile parlare della trama senza spoilerarvi nulla, mi limiterò a darvi il punto di partenza del libro.
La storia riprende dall'epilogo di Harry Potter e i Doni della Morte. Diciannove anni dopo la Battaglia di Hogwarts, i nostri eroi, ormai cresciuti, sono al binario 9 3/4 pronti a salutare i loro figli che in procinto di salire sul treno che li porterà ad Hogwarts. Da qui la storia salta in avanti, al quarto anno di scuola di Albus, il figlio di Harry e Ginny. La recita si concentrerà sul rapporto padre-figlio di Harry e Albus.
Vi lascio solo con qualche indizzio per il resto: Giratempo, Cedric Diggory, Torneo Tre-maghi.

Mi è piaciuto molto rivedere i vecchi eroi, alcuni persino di ritorno dall'oltretomba, e sono rimasta sorpresa da alcuni dei nuovi. Il mio preferito è sicuramente Scorpius Malfoy, un mix di intelligenza e umorismo, caso opposto invece Albus Potter, l'ho trovato antipatico e stupido come il padre, scusa Harry.

La trama è banale e sembra una cattiva fan-fiction dall'inizio alla fine. Dopo aver terminato la serie di HP, abbiamo detto addio hai nostri personaggi o immaginato un seguito tutto nostro. Personalmente avrei voluto vedere la nuova generazione di maghi alle prese con Quidditch, lezioni di pozioni e qualche guaio magico, in questa sceneggiatura non c'è nulla di tutto questo ma ancora una volta qualcuno sta giocando con la magia per riportare Tu-Sai-Chi in vita.

Penso che il mio problema maggiore con questo libro, sia il fatto stesso che non è un libro, ma una recita teatrale che per essere giudicata onestamente va vista sul palco. Non l'ho trovata una lettura piacevole, purtroppo.

3/5 STELLE

Commenti